26 Giugno 2019

Impianti di ventilazione e raffrescamento

Anche se le temperature, ad oggi, non ci fanno ancora pensare all’estate, sappiamo benissimo che il cambiamento di stagione e l’innalzamento delle temperature potrebbero arrivare in maniera repentina.

E sappiamo molto bene che gli animali presenti in una stalla che non sia ben ventilata e rinfrescata, soffriranno moltissimo le alte temperature, con un inevitabile calo di produzione e ciò comporterà una perdita di profitto per l’allevatore.

La temperatura ottimale per i bovini va da 7° a 20°, e il tasso di umidità intorno al 40/50%.

Oltre a questi valori la temperatura corporea inizierà a salire e l’animale ingerirà meno cibo; di conseguenza peggioreranno i parametri riproduttivi, e il latte prodotto inizierà a diminuire in termini sia di quantità che di qualità (grasso e proteine).

Per evitare o ridurre queste perdite, è sufficiente qualche piccolo accorgimento.

I nostri impianti di ventilazione e raffrescamento, studiati nei minimi particolari, sono ottimi sistemi per la lotta al caldo e per limitare i problemi da esso derivanti.

Ventilazione

I destratificatori “Due A” hanno un motore di tipo “Brushless” a Magneti permanenti con elettronica integrata, una potenza da 0,5 a 1 Kw, altissima efficienza energetica, basso consumo e massima silenziosità.

A questo viene fissato un girante anti-caduta, che sostiene 6 pale in alluminio, complete di deflettori.

Il diametro varia da 2 a 7m, in base alle dimensioni della stalla.

Raffrescamento

Gli impianti di raffrescamento, invece, prevedono un sistema di ventilatori per arieggiare i dormitori, e un secondo impianto sulla zona di alimentazione.

Quest’ultimo è costituito da due elementi: le doccette che bagnano gli animali, e i ventilatori che, inseriti nella corsia di alimentazione, asciugano il manto delle bovine, estraendone il calore e abbassando la temperatura corporea.

Centraline

Le centraline di ultima generazione, abbinate alle sonde di temperatura e umidità che permettono un controllo continuo delle condizioni ambientali, regolano la velocità dei destratificatori, aumentandola o diminuendola in modo automatico. Nel caso in cui l’impianto di ventilazione sia coordinato con quello di raffrescamento, le sonde di temperatura/umidità trasmettono i dati alle centraline, che regolano i cicli di bagno-asciugatura, a seconda delle condizioni ambientali. Due A Srl offre consulenza per il dimensionamento degli impianti e la giusta progettazione, sulla base delle dimensioni e delle impostazioni della stalla. Un impianto ben progettato permette all’allevatore di rientrare velocemente dell’investimento iniziale, migliorando i parametri riproduttivi e la quantità e qualità del latte.

ARCHIVIO BLOG

Vitelli a 90 giorni: nuovi bisogni e nuovi spazi

Ecco quindi un vademecum delle buone pratiche da adottare se hai dei vitelli a 90 giorni di vita. Leggi tutto l’articolo sul blog

Leggi articolo

Vitelli: quanto è importante investire nel futuro, dai primi 90 giorni

I primi 90gg di vita sono determinanti per la salute futura del mandria, in quanto i vitelli risultano sensibili a diverse patologie. Leggi di più

Leggi articolo